Continuando, acconsenti all'uso dei cookie, ok?OkLeggi tutto
Primo piano
Lanciano non è fra le capitali della cultura europea.
capitale_cultura-a.JPG
Ieri il responso del Mibact. Il sindaco Pupillo intanto annuncia che in primavera Lanciano avrà una grande notizia per il settore turistico culturale
Guarda tutti i servizi

"Sono dati da disastro ambientale" così Forum H2O, Nuovo Senso Civico e Stazione Ornitologica Abruzzese commentano i dati contenuti in due rapporti sulla depurazione inseriti un mese fa sul sito dell'ARTA.

Si tratta di report riassuntivi sui controlli effettuati sugli agglomerati con oltre i 2.000 abitanti equivalenti per l'intero 2016 e per il primo semestre 2017.

L'Abruzzo teoricamente tratta la quasi totalità del carico complessivo degli scarichi visto che solo il 3,6% non riceve trattamento. Il problema è che quando arrivano agli impianti spesso ricevono un trattamento inefficace.

Nel 2016 sono stati svolti 578 controlli, di cui quasi la metà (244) nella provincia di Teramo, che hanno riguardato il 73% dei 207 impianti censiti, pari al 96,5% del refluo. Complessivamente il 27% dei controlli ha rilevato superamenti dei limiti tabellari (AQ 24%; CH 40%, PE: 30%, TE:21%). Poiché alcuni impianti sono stati controllati più volte, il dato clamoroso è quello relativo agli…

E' un episodio gravissimo quello che, sabato scorso, ha visto coinvolto il titolare di un esercizio pubblico di Lanciano, aggredito da un sedicente richiedente asilo, a cui aveva rifiutato di cambiare del denaro. A dichiararlo è Tiziano Genovesi responsabile di Noi con Salvini Abruzzo, in un comunicato stampa giunto in redazione. La vicenda è quella da noi raccontata domenica sera di un barista del centro insultato e picchiato nel suo locale e costretto a ricorrere alle cure del pronto soccorso dopo lo scontro. Quanto accaduto è grave, continua Genovesi, perché inserito nel contesto di una città tranquilla e con una storia di grande civiltà. Un episodio su cui il sindaco, Mario Pupillo, incalza, e l'intera amministrazione comunale dovrebbero riflettere, quando decidono di bandire una gara europea per aderire alla Rete Sprar, gara che consentirà ad una novantina di presunti profughi di essere ospitati in città. Con conseguenze che, già da ora, sono sotto gli occhi di tutti, per la sola…

Dopo la pausa delle festività natalizie, alla riapertura del Centro Di Aggregazione Psico – Sociale “S. Onofrio”, facente a Percorsi Associazione Regionale Familiari per la Tutela della Salute Mentale Onlus Abruzzo, della Cooperativa Sociale “La Rondine ”e del Referente Centro Diurno e Centro di aggregazione Dott. Danilo Montinaro dei Servizi Psico Riabilitativi Asl 2 Lanciano-Chieti-Vasto, la scena si presentava chiaramente essere stata oggetto della visita di ignoti malfattori, che si erano intrufolati all’interno rovistando pressoché tutti gli ambienti mettendo tutto a soqquadro, asportando beni necessari come stufa elettrica, vari utensili elettrici, attrezzi e prodotti di ferramenta per il  laboratorio di arte-terapia, stereo compatto per il laboratorio di musica-terapia e per ultima, ma non meno importante, una stufa a pellet di peso e dimensioni notevoli indispensabile in quanto unica fonte di riscaldamento. La somma della refurtiva si aggira intorno alle quattromila euro…

“Prosegue a Lanciano l’accoglienza dei sedicenti profughi a spese del contribuente italiano “ afferma in una nota Marco Pasquini, responsabile lancianese del movimento. 
"Con la promulgazione del Bando, frutto della decisione da parte del Comune di aderire al progetto Sprar – continua Pasquini - assisteremo all’apertura in città di un nuovo centro d’accoglienza per 90 immigrati, finaziato con soldi pubblici, di cui una parte proveniente direttamente dalle casse comunali. Un affare milionario, di cui beneficeranno le solite cooperative ed i privati che metteranno a disposizione gli immobili per l’accoglienza, ma i cui costi sul piano sociale e della sicurezza andranno in conto ai cittadini. Quanto all’utilità di devolvere somme enormi, sottratte alla spesa sociale per gli italiani, all’attivazione di progetti per ‘l’accoglienza integrata’ per immigrati che quasi sicuramente dovranno lasciare il territorio nazionale in quanto non beneficiari del diritto d’asilo, lasciamo che a valutare…

La prima gara di ritorno del girone b di prima categoria fa registrare la sconfitta per il Lanciano Calcio 1920, i rossoneri sono apparsi un po’ troppo appesantiti, fin dai minuti iniziali dell’incontro.

La Virtus Ortona scende in campo con:

Nardone, Pedico (42 st. D’Alessandro), F. D’Alesandro, Grossi, Luciani, Giammarino, Di Meco, Ranalli (24st. D’Aloisio), Del Pescio (38 st. Fregoli), Fedele (36 st. Leone), Dragani. In panchina Ciccotelli, Altobelli, Hamza,

Allenatore: Alessandro Segalotti

Il Lanciano risponde con:

Di Vincenzo, Boccanera (20st. Giancristofaro), Shiplle, Avantaggiato (14st. Val), Scudieri, Natalini, Quintiliani, Petrone, Tarquini (20st. Cianci), di Gennaro, Sardella. In panchina Bucceroni, Rullo, De Santis, Zela

Allenatore Alessandro Del Grosso

Arbitro il sig. Alesio Speziale della sezione di Pescara

Gol. 43pt. Fedele

Spettatori 400 circa con larga rappresentanza ospite

Al 4° minuto è Sardella a provarci ma il tiro viene deviato in…