Continuando, acconsenti all'uso dei cookie, ok?OkLeggi tutto
Primo piano
Bullismo a scuola: fermati due minori ad Atessa
images_%282%29%282%29.jpg
Hanno perseguitato per mesi il compagno di scuola. Sinergia fra la scuola e i Carabinieri
Guarda tutti i servizi

Diverse centinaia di euro di danno e una sola certezza: "a Lanciano non ci torneremo più”. E’ sabato Santo, zona Torri Montanare una famigliola di San Benedetto del Tronto parcheggia e si gode il panorama ma, ritornando verso l’auto la sorpresa del finestrino frantumato per rubare cosa? Un bel vassoio di fiadoni.

Sembrerebbe una burla eppure è la triste cronaca della vigilia di Pasqua quando ti rendi conto che anche un semplice vassoio, seppur succulento, può bastare per devastare una macchina ed allontanare un turista, che forse avrebbe deciso di soggiornare in città e consigliare, di ritorno a casa, una visita alla bella città di Lanciano candidata a capitale della cultura 2020.(C.Lab.)

L'approvazione in Consiglio Comunale del Regolamento sulla Tutela degli Animali segna un risultato importante per tutta la città di Lanciano, raggiunto dopo anni di rinvii e discussioni infinite. Ma non solo: si tratta di un punto di partenza che consentirà di regolare con maggiore civiltà la cura degli animali ed i doveri dei possessori. Ad affermarlo è Giulia Di Martino consigliere comunale in carica al Pd in consiglio comunale la quale pone l’attenzione proprio sul titolo di questo documento che definisce e pone in evidenza la sua finalità principale: la "tutela" degli animali, appunto.

Non si tratta- continua- di un generale e generico regolamento sugli animali, dunque. La tutela è assicurata dalla previsione di articoli ispirati a principi fondamentali di rispetto, dignità e tolleranza verso gli animali di ogni specie, ed in particolare verso gli animali di affezione, che molto spesso ricoprono un ruolo importante all’interno delle nostre famiglie. Principi e doveri che vanno…

E’ Andrea Verna, 40 anni di Ortona, il motociclista deceduto ieri sulla Statale 16  in località Riccio ad Ortona. L’uomo, a bordo della sua  Yamaha 800, per cause in corso di accertamento ha perso il controllo della moto schiantandosi contro un palo dell’illuminazione.

Vani  i soccorsi da parte del personale sanitario: l’uomo è morto sul colpo.

Rilievi e accertamenti dei Carabinieri della Compagnia di Ortona hanno rallentato il traffico sulla litoranea di oltre due ore. La mamma della vittima morta anche lei anni fa in un incidente stradale.

 

 

Due banditi a volto coperto da maschere e armati di taglierino sono entrati nell'agenzia che si trova non distante dalla villa comunale, e si sono fatti consegnare i soldi contenuti nelle casse.

Prima della fuga i due hanno malmenato un cassiere che è stato poi trasportato con un'ambulanza del 118 al pronto soccorso. Al momento non si conosce l'entità del bottino che comunque sembra essere ingente dalle prime indicrezioni trapelate. Sul posto sono intervenute due volanti del locale commissariato; le indagini sono coordinate dal commissario capo Fabio Capaldo.

 

Prosegue senza sosta l’attività di prevenzione e di controllo del territorio da parte dei carabinieri della Compagnia di Lanciano, diretti dal Capitano Vincenzo ORLANDO,  che ha visto l’intensificarsi dei  servizi sulle strade della giurisdizione di competenza, soprattutto in previsione delle ormai prossime festività pasquali.

Dopo l’arresto del rapinatore che ieri pomeriggio ha seminato panico nel centro di Lanciano brandendo un grosso coltello, questa mattina i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile, impegnati in uno specifico servizio anticrimine, hanno rintracciato ed arrestato  un pregiudicato del posto, R.M. 52 enne, poiché colpito da un ordine di carcerazione, emesso dal Tribunale di Lanciano, secondo il quale doveva scontare due anni e mezzo di pena per alcuni furti in abitazione dallo stesso commessi tra il 2012 ed il 2017 nell’area frentana.

L’uomo è stato tradotto presso la Casa Circondariale di Lanciano a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.