Continuando, acconsenti all'uso dei cookie, ok?OkLeggi tutto

Con la Stagione di prosa 2017/2018 si è avviata la collaborazione tra il Teatro Comunale Fedele Fenaroli di Lanciano e l’ACS Abruzzo Circuito Spettacolo, circuito multidisciplinare abruzzese per la distribuzione dello spettacolo dal vivo, con l’obiettivo di unire le forze per una proposta culturale sempre attenta alle esigenze di un pubblico affezionato e competente come quello dello storico Teatro frentano. In programmaLE SERVE, di Jean Genet, con Anna Bonaiuto, Manuela Mandracchia, Vanessa Gravina; regia Giovanni Anfuso.

 “Uno straordinario esempio di continuo ribaltamento fra essere e apparire, fra immaginario e realtà”. Con queste parole Jean-Paul Sartre descriveva Le serve (Les bonnes) di Jean Genet, una delle sue opere più famose. Genet con il suo teatro ha indubbiamente rivoluzionato la forma stessa della tragedia moderna. Scritto nel 1947 ed ispirato ad un evento di cronaca che impressionò enormemente l’opinione pubblica francese, Le serve è considerato uno dei suoi capolavori, una perfetta macchina teatrale in cui il gioco del teatro nel teatro è svelato per mettere a nudo, in modo straordinario, la menzogna della scena, con una struttura che scava nel profondo. Claire e Solange, due serve smunte e androgine, vivono un rapporto di amore - odio con la loro padrona, la sontuosa Madame, che incarna tutti gli ideali perduti: eleganza, bellezza, successo.

Loro, brutte e sempre più arcigne, ogni sera, quando la padrona non c’è, si ritrovano ad allestire un ossessivo teatrino, una doppia vita in cui, come bimbe perverse, giocano “a fare Madame”. A turno, vestono i suoi abiti, la imitano e, alla fine del rito, la uccidono. Ma ben presto finzione e realtà, nelle loro menti schizofreniche, si sovrappongono. Terrorizzate dall’idea che l’amante di Madame, da loro denunciato con delle lettere anonime, sarà presto rilasciato e che la verità sarà scoperta, tentano, come estrema soluzione, di avvelenare la padrona con una tazza di tisana che Madame, nella sua svagata disattenzione, non berrà. Sarà invece Claire, sempre più sprofondata nella doppiezza della sua vita, ad ingerire la bevanda avvelenata offertale dalla sorella carnefice. Claire e Solange, vittime di una ingordigia metafisica nei confronti di Madame, simbolo di un potere assoluto da abbattere, disgustoso ed affascinante al contempo.

Claire e Solange incarnano alla perfezione un dualismo perpetuo, affondate o forse prigioniere nei ruoli violenti e speculari della “vittima” e del “carnefice”, della “criminale” e della “santa”. Facce di una stessa medaglia che coesistono in ciascuno di noi e che, spesso, si sovrappongono fino a confondersi.

 

Biglietti e abbonamenti in vendita presso il botteghino del teatro (16.30/19.30)

Treglio, 8 novembre 2017 – Presentata stamane alla sede della Pro Loco la ventesima edizione di “Borgo Rurale”, la più nota manifestazione abruzzese dedicata al vino novello, castagne e olio nuovo che si terrà a Treglio (Ch) sabato 11 e domenica 12 novembre. Alla presenza del sindaco Massimiliano Berghella, del presidente della Pro Loco Francesco Conserva e degli altri membri del direttivo dell’associazione, è stato illustrato il programma  di quest’anno.

Saranno circa venti le postazioni dedicate ai piatti tipici del territorio e undici al vino. Tra le antiche vie del borgo si potranno degustare pasta con fagioli, pancetta e zafferano, pennette ceci e baccalà, pizze e foje, maccarune a la trappitare, pancetta alla brace, arrosticini, frittata con salsicce, cif e ciaf, pizza fritta, pizza scima, pallotte cace e ove, castagne e ceci, crispelle e pizzelle. Il tutto accompagnato dai vini delle cantine Spinelli, Miglianico, Citra e Casal Thaulero, Madonna dei Miracoli, Eredi Legonziano e Colle Moro. Nello specifico saranno sette le postazioni dedicate al vino novello e al Montepulciano e una al Pecorino.

“Quindici quintali di castagne, due e mezzo di ceci, otto quintali di pancetta, cinque di salsiccia, seimila bottiglie di vino, sono soltanto alcuni numeri della ventesima edizione di Borgo Rurale – spiega il presidente della Pro Loco Francesco Conserva, associazione che si occupa dell’organizzazione dell’evento con il patrocinio del Comune di Treglio e della Regione Abruzzo – Il nostro obiettivo è quello di migliorarci ogni anno sempre di più e di rendere l’iniziativa sempre più appetibile ai visitatori che raggiungono Treglio anche da fuori regione”.  

Veneto, Lombardia, Campania e Marche, sono soltanto alcune delle regioni dalle quali provengono gli appassionati di Borgo Rurale che si sono già riservati un posto in prima fila.

“Venti anni di Borgo Rurale – ha sottolineato il sindaco Massimiliano Berghella - significa che questo paese si è contraddistinto con un format che promuove il territorio attraverso un’organizzazione a km 0, ovvero attraverso i piatti tipici della tradizione gastronomica locale preparati direttamente sul posto dalle nostre massaie”. “Mi piace definire questa manifestazione ‘November Fest’ proprio perché raccoglie la partecipazione, sempre più numerosa, di molte persone da fuori regione – ha aggiunto - Borgo rurale è diventato ormai vettore economico di promozione turistica e dei prodotti del territorio oltre che un modello per le altre manifestazioni abruzzesi. Se anni fa era l’unico evento del territorio adesso è l’evento più atteso del territorio”.

E sono ben 300 i tregliesi, su 1600 abitanti, che sabato e domenica lavoreranno agli stand enogastronomici, un dato importante che ribadisce la condivisione dell’evento da parte della comunità che ogni anno impiega le proprie forze con dedizione per la perfetta riuscita della manifestazione.

Il taglio del nastro di “Borgo Rurale” 2017 alla presenza di organizzatori e autorità avverrà sabato alle ore 18.00 in piazza S. Giorgio. Gli stand, in entrambe le serate, apriranno alle 17.00 e chiuderanno a mezzanotte e mezza.

Saranno allestiti, come di consueto, angoli riservati ai piatti gluten free, spazi dedicati alla musica dal vivo negli scorci più caratteristici del paese e il baby parking per i più piccoli.

Sarà inoltre attivo un servizio navetta per raggiungere più agevolmente il borgo con partenze da piazzale della Pietrosa (Lanciano), dal quartiere S. Rita (via Masciangelo, Lanciano) e dal Thema Policenter (Rocca S. Giovanni).

 

 

 

 

 

 

Penultimo appuntamento dell’anno con la rassegna dei Concerti del Parco 2017, domenica 5 novembre, alle ore 18, nella sala di musica da camera “Manlio La Morgia” del Parco delle Arti Musicali a Lanciano.

La data di novembre vedrà il concerto finale del seminario di canto corale, tenuto dal docente e direttore M° Giuseppe Rullo, con la partecipazione della pianista accompagnatrice e docenteStefania Appignanesi. 

Anche per la stagione 2017, il progetto didattico dell’Associazione “Amici della Musica” ha previsto questa rassegna, che affianca la più tradizionale formazione orchestrale nei mesi estivi con l’Estate Musicale Frentana, e che prevede una serie di concerti mensili, tutti collegati a seminari, conferenze, workshop, corsi, master class, stage e recording day. Questi corsi, con i concerti collegati, ampliano l'offerta formativa, didattica e musicale a tutto l'anno accademico insieme, appunto, all’Estate Musicale Frentana.

I biglietti per il posto unico sono fissati a 5 euro, i soci e gli abbonati assistono gratuitamente.

 

 

Presentata questa mattina la Stagione Teatrale 2017/2018 del Teatro Fenaroli di Lanciano; erano presenti alla conferenza stampa il sindaco Mario Pupillo, l’Assessore alla Cultura Marusca Miscia, Federico Fiorenza, Presidente ACS Abruzzo Circuito Spettacolo e Benedetto Zenone, Direttore Prosa e Teatro Ragazzi ACS Abruzzo Circuito Spettacolo.

Con la Stagione 2017/2018 si dà l’avvio alla collaborazione tra il Teatro Comunale Fedele Fenaroli di Lanciano e l’ACS Abruzzo Circuito Spettacolo, circuito multidisciplinare abruzzese per la distribuzione dello spettacolo dal vivo, con l’obiettivo di unire le forze per una proposta culturale sempre attenta alle esigenze di un pubblico affezionato e competente come quello dello storico Teatro.

Il ricco cartellone, frutto di un accurato lavoro di vaglio e selezione operato in stretta collaborazione con produzioni di grande qualità, titoli che sapranno coinvolgere il pubblico del Fenaroli, come tra gli altri Le ServeUna giornata particolareLe nostre donnee interpreti di grande rilievo tra cui Francesco Pannofino, Giulio Scarpati, Anna Bonaiuto, Umberto Orsini, Vinicio Marchionni e tanti altri per una stagione tutta da vivere.

Sarà riproposto inoltre il laboratorio di formazione teatrale rivolto agli studenti delle scuole superiori della città che prevede incontri con gli attori degli spettacoli di prosa.

Un’attività didattica che troverà il suo completamento nella produzione di recensioni da parte dei ragazzi che saranno pubblicate sul sito del Teatro Fenaroli.

Il Cartellone si arricchisce, come è ormai tradizione, delle rassegne di Teatro DialettaleTeatro della Memoria e Teatro Ragazzi per un’offerta complessiva di 28 spettacoli.

L’attività del Teatro Fenaroli di Lanciano da anni ormai si contraddistingue non solo per la qualità degli spettacoli di prosa selezionati dalla migliore offerta nazionale, ma soprattutto per lo straordinario dinamismo delle numerose associazioni culturali e dell’attività didattica degli istituti superiori.

Un esempio unico di produzione culturale che unita all’attività delle istituzioni musicali e alle numerose tradizioni e alla ricchezza storica della città, hanno indotto l’Amministrazione a candidare Lanciano quale capitale Italiana della Cultura per l’anno 2020.

Sarà potenziata l’attività di comunicazione via WEB e Social che già da anni pone il Teatro Fenaroli all’avanguardia fra le istituzioni teatrali abruzzesi e che registra ogni anno migliaia di followers e un interscambio continuo di informazioni e feedback con il pubblico.

Il servizio prevede inoltre la biglietteria on line sempre accessibile con possibilità di acquistare i biglietti per qualsiasi spettacolo della stagione di Prosa e Dialettale.

 Stagione Teatrale 2017/2018

RINNOVO ABBONAMENTI PROSA: 4 e 6 novembre 2017
VENDITA NUOVI ABBONAMENTI PROSA: dal 7 novembre 2017
VENDITA BIGLIETTI PROSA: dal 7 novembre 2017

RINNOVO ABBONAMENTI TEATRO DIALETTALE: 31 ottobre/2 novembre 2017
VENDITA NUOVI ABBONAMENTI DIALETTALE: 3, 4 e 5  novembre 2017
VENDITA BIGLIETTI DIALETTALE: dal 3 novembre 2017


Orario botteghino: dalle 16.30 alle 19.30 nei due giorni precedenti lo spettacolo (oltre al giorno della rappresentazione). Per gli spettacoli domenicali il botteghino sarà aperto a partire dalle 15.30.
BIGLIETTI ONLINE per spettacoli di prosa e dialettale SEMPRE DISPONIBILI su www.teatrofenaroli.it nei punti vendita autorizzati (elenco disponibile sul sito i-ticket.it) oppure scaricando la  APP “Abruzzo dal Vivo”.

In attesa di festeggiare nel 2018 i primi 35 anni di attività, l’Associazione Culturale “Il Ponte” propone, in anteprima lo spettacolo teatrale “Queste è lu tempe de mò”, in programma domenica 29 ottobre 2017 alle ore 17,30 presso il Teatro Fenaroli di Lanciano.

In realtà non si tratta di un nuovo lavoro teatrale, ma della ripresa della commedia dialettale di Leonello Marino con la quale l’Associazione inaugurò nel 1983 la propria attività.

“Questa idea – commenta Carmine Paolini, Presidente dell’Associazione Il Ponte – è stata proposta dal Consiglio Direttivo come un modo per celebrare la nostra storia che, proprio da questa commedia, ha avuto origine. Credo di non peccare di presunzione nell’affermare che Il Ponte può essere definita un’Associazione storica di Lanciano, non perché ha sulla carta 35 anni di vita, ma perché in questo periodo non ha mai fatto mancare, annualmente, la produzione di uno spettacolo teatrale, spaziando dal dialettale al sacro, dalla commedia alla tragedia, dal musical al recital. A ciò si sono aggiunti, sempre negli anni, importanti appuntamenti come il Presepe Vivente ed il Premio Nazionale Madonna del Ponte, Regina del Popolo Frentano”.

“Non posso nascondere – aggiunge Carmine Marino, direttore artistico de Il Ponte, nonché figlio dello scomparso autore della commedia – che la messa in scena di Queste è lu tempe de mò mi emoziona per il ricordo del mio papà, ma allo stesso tempo mi rallegra perché può essere oggi riproposto grazie ad uno splendido gruppo di amici che amano il teatro e, attraverso esso, formano una bella famiglia. Sarà certamente, come già nel 1983, uno spettacolo che coinvolgerà il pubblico per la sua genuina comicità che abbiamo lasciata immutata, pur avendo rivisitato il testo aggiornandolo dell’ambientazione”.

Ma cosa bolle in pentola per la celebrazione dei 35 anni di attività?

“Preferiamo non anticipare nulla – risponde il presidente Paolini – ma comunicare che ci sarà una “svolta” per la nostra Associazione il cui impegno l’ha portata ad essere invitata come protagonista in un più ampio progetto a livello nazionale dove, ovviamente, porteremo alto il nome della nostra città”.

La prevendita dei biglietti per lo spettacolo di domenica pomeriggio si effettua presso Partymania in Via Monte Grappa 11 a Lanciano.

 

 

 

 

 

 

 

Ancora un appuntamento con la rassegna concertistica dei Concerti del Parcodomenica 22 ottobre, alle 18, nella sala di musica da camera Manlio La Morgia del Parco delle Arti Musicali. Ad intrattenere il pubblico ci sarà il concerto finale del corso annuale di Perfezionamento Flautistico, tenuto dai Maestri Paolo Rossi e Nicola Campitelli con l'insostituibile collaborazione della Maestra Manuela Marcone.

I Concerti del Parco, a cura dell’Associazione “Amici della Musica”, anticipano e seguono la vera e propria formazione orchestrale dell’Estate Musicale Frentana,  e sono tutti collegati a seminari, conferenze, workshop, corsi, master class, stage e recording day. Questi corsi, con i concerti collegati, ampliano l'offerta formativa, didattica e musicale, a tutto l'anno accademico, per interrompersi solo nel periodo estivo per far posto, appunto, alla formazione orchestrale e i concerti collegati dell'Estate Musicale Frentana.

soci/abbonati hanno diritto ad entrare gratuitamente ed assistere ai Concerti del Parco. I biglietti per il posto unico sono fissati a 5 euro. Tutta la programmazione è disponibile sul sito ufficiale www.estatemusicalefrentana.it.

Una stagione indipendente. Anche per la stagione 2017/2018 il Teatro Studio di Lanciano, diretto da Stefano Angelucci Marino e Rossella Gesini, si qualifica sempre di più nel territorio frentano come punto di riferimento del teatro e delle arti per le nuove generazioni. Scuola di Teatro, “Teatro Classico Contemporaneo” (la nuova stagione di teatro), “FrentArte” (spettacoli del territorio) e “Ragazzi a teatro stagione di teatro ragazzi”.

Teatro, eventi e i corsi settimanali della Scuola di Teatro (80 allievi per 8 corsi attivati). Così si presenta la undicesima stagione di attività teatrali e culturali del Teatro Studio di Lanciano. Una stagione indipendente, “coraggiosa” e “in bilico” in quanto prodotta, gestita e allestita da una compagnia che vive e lavora dentro il nuovo Teatro Studio appena inaugurato a Treglio in via Abbazia.

22 tra spettacoli ed eventi distribuiti in 3 distinti cartelloni –TEATRO CLASSICO CONTEMPORANEO, 11 spettacoli diversi per generi e stili ma tutti accomunati dalla capacità di rielaborare testi classici con linguaggi contemporanei, FRENTARTE 7 spettacoli/eventi con diverse produzioni del territorio e 4 spettacoli per una stagione di teatro ragazzi denominata RAGAZZI A TEATRO!  -, una programmazione che offre agli spettatori giovani e meno giovani le indicazioni necessarie a seguire i percorsi della scena contemporanea e delle produzioni artistiche del territorio, per poterne condividere aspirazioni e traguardi, anomalie e inquietudini.

Il Teatro Studio Lanciano è riuscito nuovamente a creare un cartellone di attività culturali attese con grande curiosità dal pubblico dell’intero comprensorio frentano. E il pubblico nel decimo anno di vita del TEATRO STUDIO c’è stato, ha apprezzato, si è divertito e ha risposto a tutti i nostri inviti con grande curiosità e passione.

Per la stagione TEATRO CLASSICO CONTEMPORANEO ospiteremo (tra gli altri) la commedia “La Banda” con Federico Perrotta, “Cyrano” di Rostand regia Roberto Galano del Teatro dei Limoni di Foggia, “I Corteggiatori – parole d’amore da Merini a Neruda” del duo pugliese CompagniaDeloi, “Il Cilindro” di Eduardo De Filippo regia Michele Di Mauro, “Il Tesoro dell’Abbazia” spettacolo di commedia dell’arte a cura di Giuliano Bonanni compagnia Mask di Udine. Proporremo “La Cantata dei Pastori” regia Stefano Angelucci Marino produzione Teatro Stabile d’Abruzzo e il lavoro più significativo di teatro contemporaneo realizzato in questi ultimi anni dal Teatro del Sangro, “Tanos”, nella versione in italiano e spagnolo portata in Argentina nel mese di agosto 2017. Novità assoluta della stagione sarà “Arturo lo chef in Sud America”, sequel teatrale del fortunatissimo “Arturo lo chef” che gira l’Italia dal 2004. Due appuntamenti originali in questa stagione per l’improvvisazione teatrale con lo spettacolo “Esercizi di Stile”. Divertimento assicurato. Infine il cartellone RAGAZZI A TEATRO! con gli spettacoli per bambini e famiglie, “Cenerentola” e “La Cantata dei Pastori” (produzioni rispettivamente del Teatro del Sangro e TSA) e “La vera storia del pifferaio di Hamelin” di e con Gaetano Tramontana SpazioTeatro di Reggio Calabria.

LANCIANO (4 ottobre 2017). Un bilancio molto positivo quello delle Feste di Settembre 2017, con un successo riconosciuto unanimemente al Comitato presieduto da Maurizio Trevisan, non soltanto da un punto di vista quantitativo, ma anche e soprattutto per la qualità e varietà del programma proposto.

 Oltre cinquanta eventi, dalla Fiera di Sant’Egidio ai concerti finali di Dodi Battaglia e Alex Britti in piazza Plebiscito (invasa da un vero e proprio fiume di gente), passando per le meravigliose Luminarie di Gianfranco Paulicelli, le quattro serate di fuochi pirotecnici, la Banda Città di Fossacesia “Tanino De Vincentiis” per la prima volta posizionata in Largo San Giovanni, la grande partecipazione, soprattutto di giovani e bambini, alla sfilata del Dono e la sempre emozionante Processione alla Madonna del Ponte.

 Ma, parlando di cifre, i numeri sono davvero straordinari. Sono state stimate più di 150mila le presenze durante le Feste di Settembre, considerando solo gli eventi principali: Fiera di Sant’Egidio (15mila), Dono (20mila), Apertura (20mila), UT New Trolls (15mila), Dodi Battaglia (35mila) e Alex Britti (50mila) che, considerato anche il bel tempo e il sabato, ha richiamato in città davvero un numero considerevole di persone. Numeri importanti non soltanto per le Feste di Settembre, ma perché hanno creato un indotto di straordinarie dimensioni, di cui hanno beneficiato tutti gli esercenti commerciali (bar, ristoranti, ambulanti, giostre, ecc.) e la città in generale. I conti sono presto fatti: se si ipotizza (ed è senz’altro un conto al ribasso) che ognuna di queste 150mila persone abbiano speso mediamente e complessivamente 10 euro in tutte queste serate, l’indotto per la città ammonta a un milione e mezzo di euro.

 Continuando sull’onda dei numeri, nel corso della conferenza stampa organizzata questa mattina per tracciare il bilancio delle Feste, il presidente Maurizio Trevisan ha anche reso noto costi e ricavi. Le spese per le Feste di Settembre 2017 ammontano a circa 170mila euro (proprio in questi giorni si sta ultimando il bilancio nel dettaglio), a fronte di entrate che raggiungono circa 165mila euro (100mila solo di sponsorizzazioni, il resto ottenuto tra Sant’Egidio, Giostre, Lotteria, Questua e il contributo dell’Amministrazione Comunale di 10mila euro).

 “Siamo riusciti pressoché a bilanciare entrate e uscite – ha dichiarato il presidente Maurizio Trevisan – con un lavoro straordinario e faticosissimo, soprattutto con gli sponsor privati che hanno risposto in maniera inaspettata. Molto più deludente, invece, la ‘risposta’ di alcuni commercianti del centro, soprattutto di chi beneficia direttamente delle centinaia di migliaia di persone presenti in città durante i giorni di Festa, nonché di alcuni ambulanti. Sono estremamente soddisfatto di come sono andate le Feste – aggiunge Trevisan – e un ringraziamento di cuore, a questo proposito, va fatto agli sponsor. Ringrazio l’Amministrazione comunale nella persona del Sindaco Mario Pupillo per la fiducia accordatami, gli Assessori Marusca Miscia e Francesca Caporale e i rispettivi uffici, che hanno lavorato con grande impegno per garantire la riuscita della manifestazione, che si è svolta senza intoppi e problemi particolari. L’augurio per il prossimo anno, se la mia candidatura dovesse essere riconfermata, è di riuscire, insieme al Comune, a superare qualche piccola criticità e sensibilizzare di più la città, per organizzare delle Feste non soltanto al livello di quelle di quest’anno, ma ancora più spettacolari!”.

 Anche da un punto di vista qualitativo, il bilancio delle Feste di Settembre 2017 è assolutamente positivo, come testimoniato dai tantissimi apprezzamenti dei Lancianesi, arrivati al Comitato Feste, all’amministrazione comunale e a tutto lo staff di lavoro, sia di persona che attraverso i canali social attivati.

Particolarmente apprezzata la meravigliosa Paratura, che ha ‘vestito’ corso Trento e Trieste e piazza Plebiscito di un mosaico di luci e colori meraviglioso. Di altissimo livello i 3 concerti proposti nelle serate clou: gli UT New Trolls, con la straordinaria presenza di Nico Di Palo; Dodi Battaglia, rimasto così incantato dalla nostra città da aver girato qui il live del suo tour (che a breve diventerà un cd e un dvd distribuito in tutta Europa); Alex Britti, che con la sua chitarra ha regalato ai 50mila presenti un concerto indimenticabile. E, ancora, la possibilità data ai diversamente abili di assistere ai concerti dalla Balconata dell’ex Casa di Conversazione, una testimonianza di civiltà a cui il Comitato Feste e l’Amministrazione comunale non potevano che rispondere con grande piacere.

 “Siamo molto soddisfatti dell'enorme successo registrato con le Feste di Settembre 2017 – ha sottolineato il sindaco Mario Pupillo - Un'edizione che passerà sicuramente alla storia per la quantità e la qualità delle proposte messe in campo. E' stato un successo riconosciuto all'unanimità che ha fatto bene a Lanciano, alla sua storia, alla sua tradizione e non da ultimo, alla sua economia: le Feste hanno generato un indotto, stimato al ribasso per prudenza, che parla di almeno 1,5 milioni di euro di movimento per l'intero cartellone. Siamo felici di aver fatto la scelta giusta a febbraio, con l'affidamento dell'incarico a Maurizio Trevisan: incarico che ovviamente confermiamo anche per la prossima edizione 2018 perché intendiamo migliorare il risultato di quest'anno, con il contributo di tutti, in primis quello del Comune che aumenteremo per dare ancora più forza e importanza a un evento che rende il nostro centro urbano meta di decine e decine di migliaia di persone. Un particolare ringraziamento a tutto il personale degli uffici comunali coinvolti nell'organizzazione delle Feste e alle Forze dell'Ordine che hanno permesso uno svolgimento delle Feste in totale sicurezza”.

 “La scelta precisa di puntare sulla musica e i grandi nomi – ha aggiunto l’assessore alla Cultura Marusca Miscia - è stata vincente e non possiamo che essere soddisfatti di quanto realizzato. Va sottolineata l’attenzione di tutta l’amministrazione comunale, con il coinvolgimento diretto di alcuni consiglieri comunali, che hanno dato un grande apporto alle Feste, e l'approccio inclusivo della manifestazione, che si è evidenziato nella cura di certe attenzioni, come quelle nei confronti dei più deboli con la balconata della Casa di conversazione riservata ai diversamente abili per le tre serate clou”.

 

Sono infine stati resi noti anche i biglietti estratti della Lotteria delle Feste di Settembre, che vincono i dieci premi di consolazione messi in palio dal Comitato. I vincitori in possesso del biglietto vincente possono contattarci alla mail info@festesettembre.it per la consegna dei premi.

Questi gli abbinamenti.

Biglietto serie S, numero 10 – Buono da 20 euro a MD Discount

Biglietto serie AA, numero 9 – Buono da 20 euro a MD Discount

Biglietto serie D, numero 11 – Buono da 20 euro a MD Discount

Biglietto serie A, numero 22 – Buono carburante da 20 euro

Biglietto serie BB, numero 10 – Buono carburante da 20 euro

Biglietto serie BE, numero 14 – Buono da 20 euro Pizzeria Ruhental

Biglietto serie AI, numero 64 – Buono da 20 euro Pizzeria Ruhental

Biglietto serie G, numero 7 – Buono da 20 euro Pizzeria Ruhental

Biglietto serie Z, numero 75 – Buono per piega Parrucchieri Evos presso Thema Polycenter

Biglietto serie F, numero 57 – Buono per piega Parrucchieri Evos presso Thema Polycenter

 

L’azienda regionale di trasporti, sta infatti collaborando alla realizzazione del film di Giorgio Tirabassi “Il Grande Salto”.

 Tua Spa ha messo a disposizione alcuni mezzi della propria flotta per la realizzazione delle scene del lungometraggio.

 Le scene del film sono in corso di realizzazione proprio in questi giorni nelle location del centro cittadino a L’Aquila e lungo la strada statale 80 del Gran Sasso d’Italia.

 Il film, prodotto dalla Sunshine Production srl e diretto da Giorgio Tirabassi, vede come protagonisti, oltre al regista ed attore romano, anche Ricky MemphisRoberta MatteiPaola Tiziana Cruciani e Gianfelice Imparato, con la partecipazione, tra gli altri, di Marco GialliniValerio Mastandrea e Pasquale Petrolo.

 

Siamo soddisfatti del fatto che la valorizzazione di questo territorio, anche dal punto di vista cinematografico – ha dichiarato il direttore generale di Tua Spa, Giuseppe Alfonso Cassino – si unisca all’utilizzo del vettore pubblico per antonomasia dell’Abruzzo quale è Tua Spa”.

 

Il Teatro Studio di Lanciano da sabato 30 settembre si trasferisce a Treglio. I lavori di realizzazione del teatro sono stati ultimati, le attività teatrali e culturali possono finalmente partire. L’appuntamento è per sabato 30 settembre alle ore 18.00, per l’occasione “IN DUO ENSEMBLE – pianoforte e tenore” (M. Giovanni Sabella e M. Raffaele D’Ascanio) si esibirà proponendo romanze da salotto, arie d’opera e canzoni moderne.   

Dopo 10 anni il Teatro Studio, diretto da Stefano Angelucci Marino e Rossella Gesini, si sposta da una struttura privata a un teatro pubblico. L'Amministrazione Comunale di Treglio sposa il progetto “Teatro Studio” per la crescita della cultura teatrale nel comprensorio frentano.

“Lanciano è una città-territorio – dichiarano Angelucci e Gesini del Teatro Studio-, la Frentania da sempre è il nostro vero interlocutore. Decine e decine di allievi-attori e di spettatori ci hanno frequentato (e ci frequentano) da San Vito, Fossacesia, Frisa, Castelfrentano, Treglio, Torricella Peligna, Atessa, Bomba, Canosa Sannita, Rocca San Giovanni, Villa Santa Maria e via dicendo.”

Il Comune di Treglio, guidato dal Sindaco Massimiliano Berghella, ha raccolto questa bella sfida ed ha guardato al di là del proprio naso. Il Teatro Studio di Lanciano nel 2017 ha tagliato il traguardo dei 10 anni di attività sul territorio frentano. 10 anni di teatro, scuola di teatro, eventi, musica, cinema, laboratori, produzioni. Fino ad oggi il Teatro Studio ha ospitato 250 spettacoli, la scuola di teatro ha coinvolto 850 persone e circa 25.000 spettatori hanno scelto il Teatro Studio a Santa Maria dei Mesi.

“Il Comune si fa mecenate e coglie, nel Teatro Studio, una opportunità di sviluppo culturale”: così il sindaco di Treglio, Massimiliano Berghella, nell'illustrare le ragioni per cui Comune di Treglio e Teatro Studio hanno stipulato una convenzione. “Sarà un teatro al servizio dell'intero  comprensorio, una iniziativa – sottolinea il sindaco – che nasce dalla necessità, dall'esigenza e dalla volontà di far restare il Teatro Studio, la cui validità è riconosciuta a livello regionale ma anche fuori dai confini dell'Abruzzo, su questo territorio. Per il quale rappresenta un volano di crescita, come lo è la cultura in genere”.

Durante l’inaugurazione sarà presentata la stagione teatrale 2017/2018 del Teatro Studio, trenta appuntamenti d'arte esclusivi divisi in quattro distinti cartelloni:
-TEATRO CLASSICO CONTEMPORANEO, dieci spettacoli;
-RAGAZZI A TEATRO, quattro spettacoli;
-FRENTARTE, sei spettacoli;
-EVENTI, dieci spettacoli/eventi.